Fritto di pesce e verdure

Frittura di pesce romagnola, consigliata dallo chef della Saluma di Cesenatico

La nostra terra – la Romagna per intenderci – offre molti buoni frutti: dalla campagna al mare non c’è che l’imbarazzo della scelta soprattutto in primavera, quando il mercato locale si arricchisce di prodotti invogliando a gustare i sapori della nuova stagione.

La varietà di verdure che possiamo trovare fresche dai nostri produttori locali mi fa venir voglia di organizzare questo “matrimonio” tra la verdura di stagione ed il nostro buon pesce dell’Adriatico. Mi serve la ricetta giusta e le “nozze” sono pronte per essere celebrate.

A questo punto però mi devo far aiutare da chi è del mestiere, contatto quindi Roberto della Pasqua, chef della Saluma di Cesenatico, da sempre sostenitore dell’artigianato in cucina ed alla costante ricerca di piatti semplici e gustosi preparati con prodotti freschi e stagionali.

Ecco qui la sua proposta: Frittura di pesce con zucchine di Romagna.

La frittura di pesce è da sempre un piatto molto amato, da mangiare appena cotto preferibilmente con le dita e direttamente dalla carta gialla. In questo periodo (maggio – giugno)  possiamo utilizzare totani, sardoncini, seppie (buonissime è il loro momento), cefali e sgombri. Al pesce uniamo le zucchine tagliate a rondelle, come se affettassimo il salame, le amalgamiamo bene insieme al pesce e  friggiamo il tutto in olio bollente, avremo un buon piatto a km 0 con un sapore in più.

Se vi piace sperimentare potete anche utilizzare gli asparagi, i carciofi o i fiori di zucchina e … mi raccomando, non dimenticatevi di  annaffiare questo piatto con un buon bicchiere di vino, di Romagna naturalmente !