L’estate è appena finita, ora è tempo di bilanci. Tra momenti si e momenti no, Cesenatico ha concluso la sua estate 2008 in pari. A dichiararlo è il Presidente di Confcommercio Giancarlo Andrini. La prima parte della stagione non è andata tanto bene, complice anche il mal tempo, ma per fortuna è stata compensata dalla seconda metà, meno deludente. Complessivamente, i risultati sono buoni, ma si può fare di più.

Anche se le presenze tutto sommato non sono diminuite, le famiglie in vacanza in Riviera sono disposte a spendere sempre meno. Per fare i conti con la realtà attuale, bisogna consolidare una politica di promozione turistica che sia il più efficace possibile. Tanti i provvedimenti che sarebbe necessario attuare a questo punto.

Innanzitutto, è necessario migliorare i collegamenti sia per quanto riguarda la viabilità sia per ciò che concerne i sistemi aeroportuali. Se i voli low cost su Bologna, Forli o Rimini, riducono i costi dei voli aerei, il trasporto fino a Cesenatico è capace di costare il doppio del volo! Perciò sarebbe utile migliorare i collegamenti, ad esempio istituendo un bus navetta che pratichi la tratta diretta dall’aeroporto a Cesenatico.

Ma tante cose si possono fare anche nell’immediato. Come snellire la burocrazia per il rilascio delle autorizzazioni di rinnovo e riqualificazione degli alberghi. Gesturist, del resto sta operando bene, secondo Andrini, investendo risorse in ciò che viene richiesto di più e disinvestendo in ciò che non attira.

Ma quello che è davvero importante è promuovere una nuova cultura turistica: far capire ai residenti, che a volte vedono l’arrivo dei visitatori come un elemento destabilizzante della loro tranquillità, che il turismo è una risorsa indispensabile per la città.