Presentato ieri il manifesto della prossima Notte Rosa, in programma il 4 luglio 2009. E’ stato Giuliano Geleng a realizzarlo, pittore e collaboratore di Federico Fellini. Oltre che autore del manifesto di Amarcord, Geleng ha dipinto i quadri di scena e il manifesto di film come Casanova.

Sovrana del cartellone della Notte Rosa è proprio quell’atmosfera onirica che, nel segno del maestro Fellini, ha fatto sognare l’Italia tra atmosfere rarefatte e scene sospese tra sogno e realtà. Più che un manifesto, il cartellone della Notte Rosa è una vera e propria opera d’arte.

Si tratta di una sfera di legno dipinta con tre soggetti: la donna, il bambino e il Grand Hotel, simboli della vita della città e insieme sostanza della Notte Rosa. Il Grand Hotel richiama la simbologia Felliniana, la testa di donna rappresenta la festa nascente il bambino la festa di tutti.

La sfera condensa quindi, sia nella forma sia nell’immagine, l’idea della festa a tutto tondo della Notte Rosa, simile per tanti aspetti ad Amarcord, dove si fondono festa, famiglia e giovinezza.

Per questo motivo “Geleng ha capito l’essenza della Notte Rosa” ha afferma Marcella Bondoni, assessore provinciale al turismo e presidente dell’Agenzia di marketing “la sua è una visione onirica e di festa”. Soddisfatto del lavoro di Geleng anche Massimo Gottifredi presidente di Apt che lo definisce un lavoro evocativo e non un prodotto standard.

Presentato il manifesto, non resta che aspettare la pubblicazione del programma, che probabilmente arriverà a Pasqua.