Novembre alle porte! Scatta il conto alla rovescia per la notte di Halloween, la festa d’oltreoceano che ha ormai conquistato anche l’Italia.
Come ogni anno saranno i bambini i protagonisti della festa. Per una sera si trasformeranno in mostri, zombie e altri personaggi spaventosi e compiranno l’antico rito: Dolcetto o scherzetto?

Se Halloween è una festa introdotta di recente in Italia, che poco ha a che vedere con la nostra cultura, in realtà la sua origine si perde nella notte dei tempi. I celti credevano che la notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre rappresentasse il passaggio dall’estate all’inverno, momento in cui il Principe delle Tenebre riportava sulla terra i morti per incarnarsi nei vivi. Per questo i Drudi passavano di casa in casa chiedendo offerte che avrebbero scongiurato il pericolo.

La formula “Dolcetto o scherzetto?” deriverebbe proprio da quel lontano “Maledizione o sacrificio?” usato dai sacerdoti celti per raccogliere offerte passando di casa in casa.

Nella società superstiziosa di allora, le famiglie preferivano ingraziarsi il Principe delle Tenebre offrendo i loro contributi, che in Irlanda addirittura diventavano sacrifici umani e riti orgiastici in onore del Principe delle tenebre. Nell’800 Halloween è approdato, insieme ai coloni europei sulle coste americane, dove ha assunto la connotazione di festa goliardica e divertente che conosciamo oggi.

Da li all’Italia il passo è breve. Tante le feste di ogni tipo che il 31 ottobre trasformano la Romagna in un paese di zucche, mostri, zombie e creature inquietanti. Tanti gli appuntamenti nei parchi divertimento, nelle discoteche  e nei paesi.