Nonostante la crisi economica e le previsioni meteorologiche negative che avevano messo pioggia per l’intero week end, il turismo in Riviera non ha deluso.

In 3 giorni sono state 700 mila le presenze, l’82% delle quali costituite da escursionisti. 220 mila, invece, le presenze in hotel di cui 38 mila stranieri (in calo rispetto al 2008).

Il tutto per un giro d’affari che si aggira sui 9 milioni di euro totalizzati in soli 3 giorni, tra alberghi, ristoranti e pubblici esercizi.

Soddisfazione, quindi, tra gli operatori turistici e tra gli albergatori, che non si aspettavano di replicare i risultati dell’anno scorso, specialmente dopo i prognostici non proprio rosei che erano stati diffusi nei giorni precedenti il week end pasquale.

E invece, alla fine, malgrado tutto, Pasqua 2009 è stata all’altezza dell’anno passato.
E con una sorpresa in più: l’allungamento di Pasquetta, il pienone di lunedì con rinvio delle partenze al martedì.
Ora che la fiducia nel turismo sta cominciando a riaffiorare, si aspetta con ansia di vedere come andranno le cose nei 2 ponti che stanno per arrivare, quelli del 25 aprile e del 1° maggio.

Di sicuro il tempo sarà più clemente…