Il Museo del Bottone di Santarcangelo è una piccola chicca, nata dalla passione di un uomo e dalla storia della sua famiglia. I Gallavotti, infatti, possedevano la merceria del paese e quando questa chiuse i battenti, Giorgio, ultimo rimasto, pensò di aprire i suoi magazzini al pubblico. Nel tempo la collezione si è arricchita di pezzi rari, grazie anche alla collaborazione con molte case di produzione di bottoni. Oggi ci sono 8500 esemplari, pezzi dell’800 e delle epoche successive, aneddoti e storie sulla vita di uomini e bottoni, inspiegabilmente legate tra di loro.

Informazioni utili

  IndirizzoVia della Costa, 11
  Orari- Inverno: tutti i giorni 10:00-12:00 e 14:45-18:30
- Estate: sab, dom e festivi 09:30-12:00, 20:45-23:00; mar, giov, ven 20:45-23:00
  IngressoGratuito
  Visite guidateIl museo è gestito da Giorgio Gallavotti che ben si presta a dare informazioni sulla sua collezione
  ParcheggioVia Lauro de Bosis
  AccessibilitàAccessibile, piccolo gradino all’ingresso
  ContattiTel. 366.6869945 - marcogore62@libero.it

Da sapere

  • I bottoni sono esposti in teche tematiche oppure incorniciati e appesi alle pareti.
  • Alcuni esemplari sono legati alla storia: come quelli del regio esercito italiano, quelli delle divise dei militari di Hitler e Mussolini e dell’esercito Usa.
  • Tra i pezzi più preziosi, i bottoni della collezione giapponese SaT Suma, dei primi del ‘900, decorati a mano e impreziositi con oro zecchino.

Mappa