Collocato in un ex cantiere sulfureo, il Sulphur – Museo Storico Minerario di Perticara è uno dei pochi musei italiani che si occupa di archeologia industriale in modo così completo.
Il percorso museale si snoda tra nozioni relative alla crosta terrestre, curiosità sul lavoro dei minatori e l’estrazione di zolfo, l’esposizione di lampade, attrezzi da lavoro e officine. C’è poi una raccolta di minerali da tutto il mondo, compresa un’area destinata ai materiali fluorescenti, una biblioteca, un archivio con la documentazione tecnica e amministrativa della miniera e delle sale conferenza.

Informazioni utili

  IndirizzoCantiere Certino, via Montevecchio, 20
  Orari15/03-30/06 e 01/09-15/12 sab, dom e festivi 10:00 - 12:30 e 15:00 - 18:00. 01/07-31/08 gio, ven 15:00 - 18:00; sab, dom e festivi 10:00 - 13:00 e 15:00 - 18:00
  IngressoA pagamento: intero 6€, ridotto 4.50€ (bambini tra i 6 e i 14 anni, gruppi di almeno 10 persone), ridotto scuole 4€ (rivolto alle scolaresche)
  Visite guidatePreviste, da concordare
  ParcheggioAdiacente alla struttura
  AccessibilitàAccessibile ai disabili
  ContattiTel. 0541.927576 - info@museosulphur.it

Da sapere

  • Il Museo si trova nella miniera di zolfo più grande d’Europa, a Perticara, frazione di Novafeltria, nel Montefeltro.
  • L’ex miniera è stata, nel 2002, adibita ad esposizione museale conservando intatta l’atmosfera dell’estrazione mineraria e rendendo noto il ruolo che Perticara ha avuto in questo settore economico.
  • La miniera di Perticara venne chiusa nel 1964.

Mappa

credits foto – Archivio fotografico dell’Assessorato al Turismo della Provincia di Rimini