Ė considerato il punto di mezzo del centro storico di Rimini e si caratterizza per la presenza di numerosi elementi che, messi insieme, rappresentano la storia della città. Su un lato c’è la statua di Giulio Cesare, a rappresentare l’importanza di Rimini come città romana; la Torre dell’Orologio che ospita anche un quadrante con le fasi lunari, i segni zodiacali e i pianeti, simboli che si trovano anche nel Tempio Malatestiano; il Monumento ai Caduti alla Seconda Guerra Mondiale; e la pavimentazione a forma di sole rinascimentale che ritroviamo nel Tempio Malatestiano e sul quadrante dell’orologio della piazza.

Informazioni utili

  IndirizzoPiazza Tre Martiri
  IngressoAll'aperto, sempre visitabile
  Visite guidate-
  ParcheggioLargo Gramsci (chiuso le mattine di mercoledì e sabato), Scarpetti, Malatesta. Gratuitamente ci sono dei posti auto lungo le mura di via Bastioni Meridionali
  AccessibilitàAccessibile ai disabili
  ContattiIat Rimini - tel. 0541.51441 - info@riminireservation.it

Da sapere

  • Il  nome della piazza è legato alle vicende della Seconda Guerra Mondiale. I Tre Martiri sono Mario Capelli, Luigi Nicolò e Adelio Pagliarani, tre giovani partigiani che parteciparono attivamente alla  Resistenza. La piazza cambiò nome nel 1946, prima si chiamava Piazza Giulio Cesare.
  • In questa piazza viene costruito uno dei due grandi alberi di Natale della città.
  • Su un lato della piazza, a destra dell’orologio, c’è il piccolo tempietto di Sant’Antonio, edificato nel ‘500, di forma ottagonale. Al tempietto è legata la leggenda della mula che si prostrò ai piedi di Sant’Antonio da Padova che in piazza porgeva le ostie ai passanti.
  • Il monumento a Giulio Cesare, è la copia di un’originale romano. Di fianco alla statua, un cippo del ‘500 dove è riportato il discorso che Giulio Cesare rivolse alle sue legioni dopo il passaggio del Rubicone.

Mappa