Il Tempio Malatestiano di Rimini – “il Duomo” per i riminesi –  è un edificio pieno di contraddizioni. Era una vecchia chiesa francescana sulla quale Sigismondo Pandolfo Malatesta, Signore della città, nel XV secolo costruì un tempio dedicato alla sua persona e alla magnificenza dei Malatesta. Dal 1809 venne adibita a cattedrale ma l’impronta lasciata da Pandolfo fu indelebile. Gli interni – una navata centrale e sei cappelle laterali – sono ricchi di simboli religiosi, come il bel crocifisso di Giotto, ma anche di simboli pagani come i segni zodiacali presenti ne “La Cappella dei Pianeti”.

Informazioni utili

  Indirizzovia IV Novembre, 35
  OrariLun-ven aperto 8:30 - 12.30 e 15:30 - 18:30; sab aperto 8:30 - 12:30 e 15:30 - 19:00; dom aperto 9:00 - 12:30 e 15:30 - 18:30
  IngressoGratuito
  Visite guidateFare riferimento sempre alla segreteria diocesana che ha notizia sui tour in essere. Le visite sono sospese da 30'' prima delle celebrazioni liturgiche sino al termine delle stesse (le liturgie vengono celebrate alle 17:30 nei feriali e nei prefestivi; alle 11 e alle 17.30 nei festivi).
  ParcheggioLargo Gramsci, a 400 m (chiuso le mattine di mercoledì e sabato)
  AccessibilitàLe persone in carrozzina possono accedere dal lato sinistro del Tempio, attraverso il cancello che porta al giardino della curia vescovile
  ContattiSegreteria diocesana - Tel. 0541.24244

Da sapere

  • Ha l’aspetto di un pantheon, edificio tipico del culto della persona, a testimonianza che Malatesta lo aveva pensato come luogo di culto personale.
  • Il Tempio Malatestiano è un’opera incompiuta. Nel 1462 Sigismondo Malatesta non riuscì più a sostenere economicamente la costruzione del suo tempio e fermò i lavori.
  • All’interno del Tempio si può ammirare un affresco di Piero della Francesca, che ritrae Sigismondo Malatesta ai piedi di San Sigismondo.
  • “Tesori della Cattedrale” è il museo adiacente al Tempio Malatestiano. Qui sono raccolti paramenti sacri, codici miniati, dipinti, apparati liturgici e un bassorilievo del XIII secolo.

Altre informazioni

Gli esterni del Tempio Malatestiano sono stati disegnati da Leon Battista Alberti e realizzati nel 1450. Nella parte frontale l’impianto architettonico ricorda l’arco trionfale romano. Sui lati ci sono sette arcate divise da pilastri: a sinistra sono vuote, a destra ci sono i sarcofagi di personaggi importanti della corte malatestiana.

Mappa

]