Il Parco regionale della Vena del Gesso si estende per 2.000 ettari tra Imola e Faenza, attraversa le valli del Santerno, Senio, Sintra e Lamone sino a lambire Riolo Terme e Brisighella. La Vena del Gesso, formatasi 6 milioni di anni fa, si presenta come una muraglia di gesso lunga 25 km e larga mediamente 1.5 km, ricca di boschi che sono sempre stati sfruttati dall’uomo per il reperimento del legno. Si tratta dell’unica formazione geologica completamente gessosa presente in Europa; sul suo territorio si aprono molte grotte, alcune delle quali sono visitabili.

Informazioni utili

  IndirizzoRifugio, via Rontana, 42
  Orari-
  IngressoAll'aperto, sempre visitabile
  Visite guidate-
  ParcheggioArea adiacente al Rifugio Ca’ Carnè
  Accessibilità-
  ContattiTel. 0546.77404 - promozione@parchiromagna.it - Rifugio Ca’ Carnè: Tel. 0546.80628 - 0546.81468 - ivanofabbri@alice.it

Da sapere

  • Il Centro Visite Rifugio Ca’ Carnè – a Brisighella – si estende su 43 ettari. Il Centro (tipica casa rurale) è un punto di riferimento per i visitatori del parco che qui possono trovare informazioni utili, un’aula didattica, un museo naturalistico che ospita animali della zona.
  • Ca’ Carnè dispone di bar, ristorante e alcune camere da letto per un totale di 30 posti letto.
  • Fanno parte del Parco regionale della Vena del Gesso anche il Museo l’Uomo e il Gesso e il Museo Geologico all’aperto che si trova sul retro del Santuario del Monticino e la famosa Grotta Tanaccia.

Mappa

Credits foto – Pietro Fabbri, Informazioni provenienti da IPTC Photo Metadata